fbpx
skip to Main Content

LA STANZA JOLLY

Un investimento che genera benessere

Siamo abituati a circondarci di oggetti, situazioni e scelte che abbiano un senso e uno scopo d’esistere, mentre ancora non abbiamo allenato a sufficienza tutta quella parte più creativa, elastica e spensierata che ci consente di apprezzare luoghi e momenti che non devono a ogni costo essere produttivi o spendibili. Insomma, non siamo abituati a concederci scelte focalizzate sul nostro benessere e non solo sul raggiungimento di determinati obiettivi.

La-stanza-jolly_13

Questo discorso vale anche per l’idea standard e forse un po’ stereotipata che abbiamo del concetto di “casa”; un luogo così votato all’intimità e alla crescita personale, che però tendiamo a incasellare in schemi prestabiliti e molto utilitaristici. Quindi, è difficile che quando pensiamo alle aree racchiuse all’interno della nostra abitazione usciamo dal quartetto ormai noto e rodato di bagno-camera-cucina-sala. Insomma, è raro immaginarsi una casa costellata di luoghi che non servono solo al compimento di azioni ricorrenti e pratiche (dormire, mangiare, lavarsi, …), ma anche dove coltivare il proprio benessere.

La stanza jolly: un lusso che si trasforma in investimento

Nelle costruzioni più recenti l’estetica e la funzionalità sembrano essere calcolate quasi al millimetro: è difficile trovare abitazioni dotate di metrature ampie o di stanze in più rispetto a quelle “canoniche”, ma non impossibile. Negli immobili non recentissimi è già più semplice imbattersi in planimetrie generose, a prezzi vantaggiosi.

La-stanza-jolly_0004

In entrambi i casi, la scelta di spendere un prezzo più alto in fase d’acquisto è da contestualizzare nel lungo periodo, dove la spesa si trasforma in investimento. Sì, avere delle stanze jolly è un lusso, in un mondo dove il “di più” è difficile da trovare e giustificare, soprattutto quando il panorama immobiliare non è sempre dei migliori: perché dovrei volere un trilocale, se siamo una coppia di due persone? Perché acquistare un quadrilocale, se ho solo un bimbo?

La-stanza-jolly_01

Sono tutte domande che è lecito porsi: a volte però dietro a questi dubbi non vi sono effettive limitazioni di budget, ma l’abitudine di ragionare “al risparmio” e a fare a meno di tutte quelle cose che non svolgono un ruolo pratico e immediatamente spendibile. Le stanze jolly, laddove la possibilità economica lo consente, si trasformano subito in interessanti soluzioni di lusso a necessità di cui poco si parla, ma che possono migliorare significativamente la qualità della vita.

La-stanza-jolly_12

Idee per usare la stanza jolly: un luogo dove coccolare il corpo (e la casa)

Ci sono alcuni oggetti, mobili ed elettrodomestici che abitualmente si tende a “nascondere” o incastrare alla bell’e meglio dove si può. Ad esempio le lavatrici o le asciugatrici, come anche gli stenditoi o le ceste del bucato.
Se ci pensiamo bene, anche i bagni sono spesso sacrificati in pochissimi metri quadri, nell’idea che sia meglio “tagliare” dove è possibile sulle stanze dove si è solo di passaggio, per garantire un po’ di agio e respiro in più alle aree della casa dove si spende più tempo.

La-stanza-jolly_0010

Le eventuali stanze jolly possono diventare stanze da bagno, quindi luoghi dedicati alla cura del corpo, con ampie vasche da bagno, specchi e postazioni beauty. La differenza tra una stanza da bagno e un bagno è data proprio dalla possibilità di verticalizzare l’uso di una stanza al benessere fisico ed estetico (quindi non solo igiene e/o sanitari), dando spazio a tutti quegli accessori e complementi d’arredo che permettono agli abitanti della casa di “coccolarsi” e rigenerarsi.

La-stanza-jolly_07

Interessante è anche l’idea di rendere la stanza jolly una laundry funzionale, spaziosa e confortevole, dove concentrare elettrodomestici e strumenti atti alla cura dell’abitazione e dei capi d’abbigliamento. I benefici di una stanza in più adibita a laundry sono molteplici: dalla possibilità di liberare tutti quegli “angoli” e spazi nel resto della casa dove normalmente cerchiamo di inserire lavatrici, ceste e stenditoi, all’opportunità di vivere le azioni di pulizia in modo più sereno e soddisfacente nel contesto di un ambiente ad hoc.

La-stanza-jolly_0001

Ecco allora che nei luoghi preposti alla pulizia e alla coccola del corpo hanno la meglio sì i colori chiari e neutri, grazie all’uso di ceramiche, marmi e pietre, ma trovano il loro posto anche i rivestimenti più fantasiosi e particolari, dati dalla scelta di piastrelle originali e wallpaper. In questo senso, le ottime soluzioni proposte da realtà come Ideagroup, Ceramica Cielo, Globo e Novellini fanno scuola e supportano i progetti più ricercati e preziosi. 

La-stanza-jolly_0007

Usare la stanza jolly per prendersi cura del proprio benessere, mentale e fisico, può essere un’ottima idea

Molto spesso leggiamo articoli o trafiletti in cui si propone di adibire la stanza jolly a studio. È una bella idea, sicuramente, ma ci piace anche pensare che non tutti i luoghi della casa debbano essere rivisitati in chiave produttiva e utilitaristica.

La-stanza-jolly_0005

Per esempio, ci sembra molto interessante la prospettiva che le stanze in più vengano utilizzate per accrescere il benessere e la crescita personale, ad esempio proponendo soluzioni per il relax, la lettura, la meditazione, lo yoga, la cura delle piante e, in generale, per tutte quelle attività che non mirano a obiettivi pratici, ma bensì al raggiungimento di uno stato di pace interiore.

La-stanza-jolly_10

Qui vincono, allora, gli elementi più morbidi e accoglienti, come anche i colori caldi e desaturati, magari tendenti alle tinte pastello. Trovano grande uso in stanze di questo tipo i materiali naturali, come il legno, e i tessuti che garantiscono piacere sensoriale. Via libera anche alle piante, che donano respiro e vita agli spazi, e, ovviamente, alla luce, che permette al corpo di rilassarsi e rigenerarsi.

La-stanza-jolly_15
La-stanza-jolly_0002

Interessantissime, in questo caso, sono le proposte di aziende come Inkiostro Bianco, Wall&decò e Cole & Son, che ridefiniscono il ruolo e le opportunità della carta da parati, di realtà come Dedar, Arazi o Jaipur Living, che offrono svariate soluzioni in fatto di tessuti, e di produttori come Gubi o Flou, che uniscono la comodità delle sedute all’uso di materiali sostenibili, accoglienti e ricercati.

CI-SEGUI-GIA'-SU-INSTAGRAM-700

Idee per usare la stanza jolly: un’area della casa dove coltivare lo sport e le proprie passioni

Il 2020 e il 2021, con tutto quello che è successo, ci hanno lasciato senza dubbio tanti insegnamenti. Uno di questi è che non possiamo fare affidamento sul fatto che i luoghi esterni alle nostre abitazioni possano accoglierci in modo continuativo ed esteso.
Banalmente, pensiamo alle palestre, ai teatri, ai concerti, ai locali e a tutti i luoghi dove normalmente ci si incontra per vivere al massimo le proprie passioni.

La-stanza-jolly_04

Dopo due anni trascorsi a capire come svolgere attività sportive e ricreative anche dentro le proprie abitazioni, la necessità di cercare abitazioni con stanze jolly da adibire alla cura dei propri hobby si è diffusa e rafforzata sempre di più.

Dagli esercizi ginnici alla musica, dai giochi da tavolo all’e-gaming: perché “incastrare” tutto questo in aree della casa normalmente preposte ad altre funzioni quando si può verticalizzare una stanza jolly allo sviluppo e la cura delle proprie passioni?

Nel caso si volesse dedicare la stanza in più all’attività fisica, si può optare per rivestimenti anallergici e igienici come la ceramica e si può decidere di lasciare la stanza il più libera da ingombri possibile, per consentire al proprio corpo di muoversi senza intralci.

L’avvincente idea di utilizzare la stanza jolly per i giochi o per l’e-gaming presuppone la scelta di colori e rivestimenti neutri o eventualmente tendenti a sfumature più scure, per permettere ai giocatori la massima concentrazione. Sul tema, sono imprescindibili i lavori di M+ e Rezina.

L’illuminazione, considerando che i giochi di ruolo (digitali o meno) richiedono anche un certo livello di creatività e immedesimazione, può anche uscire dal canonico bianco, per toccare altre colorazioni. Belle, in questo senso, le proposte di Davide Groppi, di Flos e di Foscarini.

La-stanza-jolly_16

Importantissimi, in ogni caso, saranno i supporti, quindi tavoli o piattaforme dove appoggiare strumentazioni di gioco o musicali.

La stanza jolly: un’esperienza che coinvolge tutti i sensi

Il coinvolgimento di tutti i sensi dovrebbe essere una prerogativa di tutti gli ambienti della casa, ma non sempre questo è possibile: nel caso si avesse a disposizione una stanza jolly, almeno questo spazio potrebbe essere dedicato alla sollecitazione dei sensi.

La-stanza-jolly_0011

La vista, tramite la scelta di complementi d’arredo contestuali e piacevoli, ma anche grazie a un uso saggio della luce. Il tatto, con tessuti e rivestimenti interattivi, accoglienti e intriganti. L’udito, con un buon sistema di insonorizzazione, se necessario, o tramite l’uso di stimoli sonori rilassanti. L’olfatto, con profumazioni capaci di accompagnare l’esperienza di benessere senza imporsi in modo troppo aggressivo.

Ph. Moodcreativo; Pinterest

moodcreativo-chi-siamo-francesca-e-tiberio-blog

Siamo Francesca Guzzo e Tiberio Rizzotto,
Ci piace realizzare case consone alla vita odierna, lo facciamo in maniera sartoriale con un tocco di eleganza e ricercatezza. La nostra è una costante ricerca della qualità, intesa come cura del dettaglio e selezione dei collaboratori più qualificati. Stile e creatività si fondono insieme portando valori forti all’interno del nostro studio, gli stessi che ricerchiamo nei nostri collaboratori e nei nostri clienti. Lo stile è sinonimo di buone maniere, parole gentili, nell’arredo è fare scelte di qualità, collaborare con persone preparate e dall’alto spirito etico. La creatività è la nostra firma. Per noi è sorprendere trasformando un determinato spazio in uno decisamente più consono alle esigenze di chi lo vive.

Back To Top